Il presente sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni e per negare l'utilizzo degli stessi. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi l'informativa.

Alambicchi, Distillatori

Alambicchi e Distillatori

Acquista il tuo Alambicco per Distillazione Grappa, Whisky, Brandy o per l’estrazione degli Oli Essenziali

Adatti per la Distillazione in immersione e Distillazione in Corrente di Vapore

Conosciuto anche con il nome Distillatore, l'Alambicco è uno strumento necessario nel Processo di Distillazione. Questa pratica ha origini antichissime che si perdono nella notte dei tempi. Spesso si fanno risalire i primi esperimenti al medioevo, quando i cosiddetti alchimisti erano alla continua ricerca di nuove essenze. Altri invece sono della convinzione che le prime distillazioni siano state effettuate addirittura in epoca egizia.

Cos’è la distillazione

La distillazione è un processo per mezzo del quale si intende separare una sostanza da un’altra. Il principio che ne sta alla base è quello relativo ai differenti punti di ebollizione delle due sostanze. Per porre in essere questo procedimento è stato messo appunto uno strumento denominato Alambicco.

Come tutti i manufatti si è dovuto passare da una fase di evoluzione affinché si arrivasse al grado tecnologico odierno. Infatti, i primi distillatori erano di dimensioni abbastanza piccole e in vetro, con una caldaia composta da una cucurbita sormontata da un duomo e sigillata con mastice d’argilla (per duomo si intende quella che oggi verrebbe definita precamera di raffreddamento). 

Non era originariamente prevista una vera e propria modalità di raffreddamento e quindi si utilizzavano dei panni imbevuti d’acqua. Il passo successivo fu poi l’introduzione di un contenitore laterale in legno, nel quale andava a terminare un tubo proveniente dal duomo dell’alambicco. Fu la prima forma di serpentina.

Infine, oltre al perfezionamento della forma, cominciarono ad essere utilizzati anche nuovi materiali che risultavano più adatti allo scopo, tra questi sicuramente il rame.


Perché i distillatori vengono costruiti in rame?

Ci sono vari motivi per i quali è stato scelto il rame per la realizzazione dei distillatori più comuni e diffusi. Il primo di questi sta nella sua proprietà “filtrante”. Precisiamo che non si tratta di un vero e proprio filtraggio, tuttavia occorre dire che il rame si lega chimicamente alle molecole contenenti lo zolfo residuo del processo di vinificazione, ed evita che questo finisca nel distillato consentendo di espellerlo nei reflui del processo di estrazione.

Il secondo motivo che fa del rame un ottimo candidato alla composizione degli alambicchi è la sua caratteristica di efficacissimo conduttore termico. Questo materiale non comporta problemi nell’utilizzo ad alte temperature e non risente degli sbalzi di calore, consentendo anzi la diffusione omogenea di quest’ultimo all’interno della caldaia favorendo il raggiungimento del punto di ebollizione degli elementi al suo interno.

Facilità di lavorazione. Data la sua duttilità e malleabilità, questo materiale risulta decisamente adatto alle lavorazioni manuali e artigianali, prestandosi alla realizzazione delle particolari curvature tipiche degli alambicchi.

Infine, bisogna segnalare la sua estrema resistenza ai vapori alcolici generati durate la distillazione che lo rendono immune ai procedimenti di corrosione e la sua totale riciclabilità.


Le differenze tra l’Alambicco per ricavare acquavite e quello per estrarre le essenze

Esistono diversi tipi di Distillatore progettati sulla base di esigenze ed utilizzi specifici. La prima distinzione che può essere fatta riguarda i distillatori per ricavare liquori e acqueviti (es. grappa, brandy e whisky) e quelli adatti all’Estrazione degli Oli Essenziali.

I modelli più adatti a ricavare liquori sono quelli classici definiti ad immersione. In questo prodotto, la materia prima da distillare viene posta nella caldaia a diretto contatto con l’acqua (che dovrà colmare le vinacce). Questa, scaldandosi, darà vita ai vapori che conterranno le proprietà e l’alcool delle vinacce (o cereali, ecc…) i quali saranno condensati con l’ausilio del sistema di raffreddamento.

Il cosiddetto estrattore per oli essenziali è invece lo strumento più adatto per ricavare le essenze dalle piante officinali e aromatiche. Questi distillatori sono molto simili a quelli ad immersione dai quali differiscono per la dotazione di serie di una colonna filtro centrale. Questa colonna è una componente aggiuntiva che consente di attuare la distillazione in corrente di vapore, dove le erbe non sono a diretto contatto con l’acqua. 

L’Alambicco per oli essenziali si compone della caldaia, della colonna filtro e della precamera di raffreddamento. Nella caldaia bisognerà mettere l’acqua, mentre il corretto posizionamento delle erbe è nella colonna filtro, appena sopra la pagliuzza. I vapori provenienti dalla caldaia saranno quindi prima filtrati dal groviglio di rame, e successivamente saranno liberi di catturare le proprietà delle droghe, finendo infine nella sezione dedicata al condensamento.


Tipi di raffreddamento

Un’ulteriore distinzione in merito ai distillatori può essere fatta sulla base della modalità di raffreddamento. Esistono infatti alambicchi progettati con raffreddamento a fungo ed altri a serpentina.

I modelli a fungo sono dotati di raffreddamento diretto e sono composti da una caldaia e una vasca dedicata al refrigeramento. Quest’ultimo elemento è provvisto di ingresso e uscita d’acqua per consentire un riciclo costante e quindi ottimizzare la fase di condensamento.

Gli alambicchi a serpentina sono quelli più comuni e sono dotati di serpentina laterale di raffreddamento. In breve, i fumi che risalgono dalla caldaia finiscono in una precamera che prevede un beccuccio e un tubicino che portano ad una serpentina di raffreddamento. Questa finisce in un bicchiere in rame nel quale deve essere inserita dell’acqua.

Non vi è un modello superiore o inferiore tuttavia nella gran parte dei casi la versione a serpentina consente una produzione leggermente superiore.


Botti in rovere e accessori per distillati

Gli appassionati della produzione di grappa, rhum e altri distillati sono spesso alla ricerca del gusto particolare. Uno degli elementi in grado di influire su questa caratteristica è il contenitore di stoccaggio.
Abbiamo quindi deciso di mettere a disposizione dei nostri clienti anche una selezione di botti in rovere nuove fino a 20 litri e rigenerate da 30 litri in poi. Questo tipo di legname risulta particolarmente adatto agli invecchiamenti e a contenere liquori, contribuendo a donare alla grappa quel colore giallo tipico delle grappe barricate.

Tra gli accessori avrai accesso a prodotti come l’alcolometro (sia in versione base che con termometro) che è lo strumento in grado di fornire il grado alcolico del prodotto, il bruciatore a gas sul quale possono essere posti gli alambicchi, alcuni ricambi e l’imbuto separatore che consigliamo per l’estrazione degli oli essenziali. Infatti, in questo caso, dopo la distillazione si otterrà una miscela di acqua aromatizza e olio essenziale, quindi questo strumento risulterà particolarmente utile per completare la lavorazione.

Nel caso in cui tu abbia bisogno di ulteriori informazioni non esitare a contattarci.