Avviso

 

 

Aggiornamento situazione Coronavirus. Sono al momento possibili le spedizioni verso quasi tutte le località italiane, con poche eccezioni. Tuttavia si prevedono rallentamenti del sistema dei trasporti con conseguenti ritardi sui normali tempi di resa stimati tra le 48 e le 72 ore. 
Restiamo a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

Riattivare una fermentazione bloccata

Autore: Vincenzo 30/03/2017 0 Commenti Vino e Distillati,

Riattivare una fermentazione bloccata

 

Suggerimenti per una corretta riattivazione della fermentazione del vino e per prevenire le ossidazioni

 

 

Uno dei problemi più frequenti durante la fase di fermentazione è rappresentato dal blocco della stessa o dal suo rallentamento.

 

Cause che determinano il blocco della fermentazione

Le cause dell’interruzione della fermentazione sono da ricercare nella composizione del mosto. Infatti, questo è ricco di zuccheri, ma relativamente povero di sostanze azotate. Come già detto, i lieviti si nutrono di zuccheri, ma non solo; a sostenere la loro attività ci sono anche le sostanze azotate. Queste però, spesso (molto più spesso di quanto accadeva in passato), non sono presenti in quantità sufficiente da supportare i lieviti durante tutta la durata della fermentazione. Ecco quindi che, venendo a mancare il sostentamento, rallentano o si bloccano fermando a loro volta la fermentazione.

 

Come ovviare al problema

Trattandosi di un inconveniente abbastanza diffuso e molto frequente, vi sono diverse possibili soluzioni da adottare.

Tutte consistono nell’uso di integratori da aggiungere al mosto. Il più utilizzato è il biammonio di fosfato, che è consentito dalla legge in proporzione di 200 grammi per ettolitro.Sali nutritivi

 

Altre soluzioni sono rappresentate dall’aggiunta di estratti di lievito, peptone e composti affini. Tuttavia, sono poco consigliabili per via dei costi relativamente alti e quindi scarsamente convenienti.

 

Se si parla di produzione propria, e pertanto da non destinare al commercio, non vi sono vincoli particolari. Si potrà decidere di utilizzare estratti di lievito o peptoni, ma il consiglio è sempre quello di impiegare dei Sali nutritivi studiati appositamente per l’enologia e per la ripresa della fermentazione.

 

Ossidazione: cos’è e come prevenirla

L’ossidazione del vino consiste nelle cosiddette rotture ossidasiche, che possono determinare cambiamenti di colore del vino inficiando il lavoro di mesi.

 

Limitare questa problematica è possibile grazie all’utilizzo dell’anidride solforosa, che combatte anche la formazione di batteri acetici e lattici. Questa può essere aggiunta al mosto in quantità che non superino i 50-100 mg per litro.

Potassio metabisolfito

Le modalità attraverso le quali è possibile aggiungere l’anidride solforosa consistono nell’utilizzo di dischetti di zolfo da bruciare nelle botti, nell’impiego di bombole con il gas compresso, nell’utilizzo di soluzioni concentrate e più comunemente nell’aggiunta al mosto del potassio metabisolfito.

 

Quest’ultima è la pratica più utilizzata, in primis perché si tratta di composti facilmente reperibili nei negozi specializzati in articoli per l’enologia, e in seconda istanza perché consentono di liberare una buona quantità di anidride solforosa.

L’impiego di uno di questi metodi non costituisce un obbligo per i piccoli produttori casalinghi, i quali tuttavia, in questo caso, non possono mettere in nessun modo il loro prodotto in commercio. È però da tenere presente che ogni fermentazione alcolica produce una quantità di anidride solforosa che può essere molto variabile. Ne consegue che ogni bevanda alcolica non è immune dal contenere questo gas. 

Lascia un Commento