Il presente sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni e per negare l'utilizzo degli stessi. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi l'informativa.

Come si effettua la potatura delle rose

Autore: Vincenzo 08/09/2017 0 Commenti Varie,

La potatura delle rose è una pratica molto importante per rendere il proprio giardino in salute con bellissimi fiori colorati

 

Potatura delle roseProcedere con la potatura delle rose significa poter offrire a queste piante la possibilità di ottenere un migliore raporto tra chioma e radici, migliorare la loro fertilità e darle la forma ottimale per poter    offrirle la possibilità di ricevere quanti più raggi solari è possibile ottenendo una vita felice e sana. E' chiaro che ogni pianta necessita di un differente tipo di potatura quindi è necessario per le nostre belle rose fare un discorso ad hoc parlando di potature al plurale perché nel corso dell'anno sarà necessario effettuare tra i due ed i tre interventi all'anno. Questo lavoro può esser effettuato dopo aver deciso di acquistare gli strumenti per la potatura più adatti.

 

 

Quando è conveniente effettuare la potatura delle rose?

 

La potatura può essere un'operazione molto importante per le piante ma deve essere effettuata in determinati momenti dell'anno in modo tale che questa pratica  non diventi mortale. Normalmente vi sono tre momenti in cui dev'essere portata avanti la potatura in modo tale da non rovinare la sua capacità di rigenerarsi. Durante l'anno è necessario effettuare la potatura invernale e quella estiva e solo se strettamente necessario quella autunnale. La prima potatura, quella invernale, dev'essere effettuata per forza quando il grande freddo è passato, si parla quindi di fine inverno, e la pianta è in un periodo di stasi ovvero non ha cominciato ancora a germinare. Questo perché una gelata notturna potrebbe bruciare la pianta facendo danni quasi irrimediabili. Ogni periodo dell'anno impone differenti interventi sulla pianta infatti se d'inverno è necessario sfoltire la pianta da rami secchi e rovinati dalle intemperie durante la stagione calda sarà necessario eliminare i fiori appassiti in modo che la pianta venga stimolata a creare dei nuovi fiori. La cosa da tenere sempre presente è che la potatura dev'essere eseguita solo dopo i due anni di vita in modo che la pianta possa diventare rigogliosa e rinforzarsi per poi affrontare le varie potature. Nelle potature autunnali infine la pianta viene alleggerita per poter effettuare al meglio le rigide temperature invernali quindi è necessario eliminare i rami secchi e le foglie in procinto di cadere senza tralasciare i fiori ormai appassiti. Effettuare la potatura invernale significa avere la mano ferma andando a recidere di netto il ramo sopra la gemma mentre durante la stagione calda non è importante come quella invernale perché non serve a conservare la pianta ma viene effettuata unicamente per scopi “cosmetici”. Questa operazione serve quindi per permettere al nostro roseto di avere sempre dei fiori da primo premio.

 

 

La potatura nelle rose a cespuglio, in quelle rampicanti e nelle rose in miniatura

 

Uno dei motivi più importanti che spingono ad effettuare la potatura è la volontà di mantenere una pianta in ordine non solo per la fioritura ma anche per il mantenimento di una arbusto molto bello anche quando non sono presenti i fiori. Per ottenere questo risultato è innanzitutto importante conoscere la propria pianta perché un arbuto necessita di cure o per meglio dire di tagli differenti dalle piante rampicanti. Le rose rampicanti sono particolarmente indicate per creare con un pergolato un roseto da sogno ma questo risultato implica un lavoro in fase di potatura molto importante. I rami della rosa rampicante non sono molto robusti quindi in fase di potatura è sempre meglio optare per il mantenimento di quelli che posseggono una maggiore vitalità che possono quindi garantire la creazione di fiori molto belli andando a tagliare i rami più vecchi che ormai non possono più contribuire in modo attivo al benessere della pianta e quindi alla nascita di nuove rose. Ma mentre si tagliano i rami vecchi si deve sostenere con l’impiego di sostegni i nuovi germogli in modo da mantenere la pianta in piena salute. La bellezza della rosa a cespuglio sta nella possibilità di farle assumere la forma che più si desidera quindi quando si effettua la potatura è necessario avere in mente da subito la forma che la pianta dovrà assumere rendendo il proprio giardino molto bello non solo per i suoi splendidi fiori ma anche per la forma ottenuta dalla pianta. Di norma i rami di queste piante non devono superare i quindi centimetri di lunghezza anche se la scelta più azzeccata è quella di mantenere la pianta non molto larga perché potrebbe essere un vero e proprio pericolo per il gelo invernale. Inoltre è importante accertarsi che non vi siano succhioni  che renderebbero la vita di questa pianta molto complicata perché potrebbe dirottare energie essenziali per i rami principali dell’arbusto. I succhioni nascono da gemme latenti che vanno a sviluppare anche dopo molti anni per questo motivo questi rami nascono nella parte legnosa del tronco o del ramo. Essendo molto piccole e minimali non è possibile effettuare delle potature molto pesanti perché un’operazione del genere potrebbe uccidere la pianta. Sarà quindi necessario effettuare operazioni molto leggere come l’eliminazione delle foglie secche e dei fiori appassiti. Per concludere è bene ricordare di controllare sempre la base della pianta, sul luogo dov’è stato fatto l’innesto, perché è proprio in quella parte che tendono a nascere i rami nati dal selvatico che sono molto ben riconoscibili sia per le foglie sia per i fiori che appaiono completamente differenti da quelle della nostra rosa. E’ inoltre importante tenere presente che se si acquista rose derivanti da talee questo problema non sussiste proprio perché non è stato effettuato alcun innesto.

 

 

Cosa serve per effettuare una potatura?

 

Forbici per potaturaDi solito non c’è bisogno di molti strumenti per il giardinaggio perché questo lavoro può essere effettuato senza l’impiego di strumentazione pesante quindi è sufficiente di munirsi di forbici per potatura in acciaio inox ma visto che in molte rose sono presenti le spine è sempre bene avere a disposizione dei guanti in grado di offrire una protezione completa alle proprie mani. Per concludere è giusto ricordare che il costo strumenti di potatura non è per niente elevato quindi è alla portata di tutte le tasche

Lascia un Commento