Il presente sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni e per negare l'utilizzo degli stessi. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi l'informativa.

Come arieggiare il giardino

Autore: Vincenzo 02/08/2017 0 Commenti I Nostri Consigli,

Arieggiare il giardino è l’unico modo per ottenere il massimo dal proprio manto erboso

 

 

Arieggiare il giardino è un compito che deve essere eseguito con molta cura per rendere la propria abitazione bella già dall’esterno. Il prato della propria abitazione è il biglietto da visita della dimora perché è il primo ambiente dell’abitazione più visibile. Bisogna tenere presente quando si decide di lavorare sul proprio giardino che la sua composizione è molto più complicata del dovuto essendoci una serie di piante che portano con sé una serie di caratteristiche peculiari e che quindi devono essere trattate in modo differenti. Di norma un prato è coltivato a graminacee, una serie di piccole piante perenni che hanno lo scopo di tappezzare il terreno ma vivendo una vicina all’altra a stretto contatto porta il terreno a riempirsi di foglie, residui della potatura e detriti che accumulandosi nel tempo vanno a formare un vero e proprio strato che comunemente viene chiamato feltro. Sebbene questi elementi sono importanti per la concimazione possono diventare un vero e proprio impedimento per il passaggio dell’acqua e tutti i vari elementi che essa contiene ed i sali minerali, un alimento essenziale per tutte le piante, che arrivano da fonti esterne. Un compito molto importante per mantenere in salute il proprio prato è l’eliminazione di questo strato sistematicamente per offrire all’erba del proprio giardino la possibilità di avere tutte le sostanze nutritive di cui necessita. In questo modo sarà possibile avere un terreno sempre propriamente arieggiato. Questa operazione, come vedremo tra non molto, non è molto complicato e tutti coloro che hanno il pollice verde possono eseguirla anche se comporta alcuni rischi che, per non creare dei problemi alle piante che compongono il prato, devono essere presi con grande attenzione. L’operazione potrebbe essere abbastanza faticosa ma con l’ausilio di strumenti creati ad hoc sarà possibile compiere il lavoro senza grandi sforzi.

 

Ma qual è il periodo migliore per arieggiare il giardino?

La Natura con il suo scorrere delle stagioni ci indica molto precisamente quando alcune operazioni devono essere effettuate senza creare dei consistenti danni alle specie vegetali. E’ possibile arieggiare il giardino durante la fine dell’inverno in modo tale che il freddo non possa più nuocere alle radici delle piante e preparare le stesse alla bella stagione e molto vicino al periodo di risemina del prato. Qualora infatti l’arieggiamento del prato non fosse fatta le nuove piante andrebbero a nascere nel feltro formando un manto erboso non ottimale. Nello specifico vi sono delle condizioni abbastanza stringenti per arieggiare il terreno senza creargli problemi. E’ importante eseguire questa operazione prima di fertilizzare o di seminare in modo tale che le piante abbiano lo spazio necessario per crescere ed assumere le sostanze nutritive, per arieggiare un prato nuovo è necessario attendere un sufficiente lasso di tempo per fare in modo che l’erba possa radicarsi bene e trovare, in questo modo, una certa stabilità. E’ bene effettuare questa operazione quando il terreno è umido in modo tale che i denti del rastrello riescano a penetrare a sufficienza nel feltro. Attendere l’inizio dell’arieggiamento se invece il suolo è troppo bagnato perché in questo caso non si avrà un sufficiente attrito col terreno e questo fattore potrebbe rendere tutte le operazioni vane. Inoltre è assolutamente sconsigliato effettuare questa operazione in piena estate o comunque nelle giornate molto calde e nei giorni di siccità perché, essendo delle condizioni avverse, un lavoro del genere potrebbe creare un ulteriore stress alle piante del prato.

 

Dopo tante parole andiamo a vedere come si deve procedere ad arieggiare il giardino

Il feltro del giardino è un aspetto importante per avere un prato sufficientemente arieggiato perché da esso dipendono le varie tecniche che dovranno essere messe in atto per ottenere il massimo da questa operazione. In base al livello di stratificazione del feltro si dovrà andare ad agire sul terreno per eliminare tutti i vari residui che si sono andati a stratificare nel corso del tempo. Se non si è mai proceduto con questo lavoro è molto probabile che il feltro sia molto spesso e che quindi l’opera di separazione con la pianta risulta essere davvero molto complicato. Lo strumento più appropriato per compiere questa operazione è il rastrello fornito di denti molto aguzzi ma nello stesso tempo spaziati tra loro in modo tale che questi possano agganciarsi molto bene ai detriti senza però rovinare le piante presenti nel prato quindi una volta eliminati tutti i detriti e portarti in superficie sarà sufficiente un rastrello normale per poi andare ad eliminare questi residui dal giardino. Se il feltro è davvero molto compatto sarà necessario adoperare delle macchine che andranno a dissodare il terreno in modo da pulire al meglio il terreno. Un'altra buona pratica per avere un terreno sempre di ottima qualità è quello di dissodare il terreno perché anche se si rischierà di rovinare il manto erboso la terra potrà avere un sicuro giovamento da questa operazione aiutando il radicamento delle piante. Questa operazione è chiamata scarificazione della terra.

 

La carriola ed il suo ruolo nel lavoro in giardino

Carriola pieghevole per giardinoArieggiare il prato è un lavoro molto importante che può essere non poco faticoso se si deve operare su una superficie abbastanza vasta. E’ necessario andare quindi ad acquistare tutti i prodotti che possono facilitare il più possibile questo lavoro. La carriola è uno strumento che consente un trasporto facilitato di materiale di risulta derivante dalla lavorazione del terreno anche se, per motivi di spazio e quindi di comodità, comunque se si deve operare su un appezzamento di piccole dimensioni potrebbe non essere opportuno scegliere i modelli fissi perché le carriole piegabili possono essere facilmente riposte in qualsiasi angolo del ripostiglio o della casa offrendo il massimo della comodità. Anche se potrebbe non sembrare robusta come le altre, la carriola pieghevole offre il massimo della stabilità e della resistenza in modo da poter movimentare senza eccessiva fatica grandi quantità di materiale. Per concludere è bene ricordare che questo è un prodotto che sarà usato molto spesso perché sarà utile quasi ogni volta che ci metteremo a lavorare in giardino.

 

 

 

 

Lascia un Commento