Il presente sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni e per negare l'utilizzo degli stessi. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi l'informativa.

Come aggiungere la frutta alla birra

Autore: Vincenzo 27/09/2017 0 Commenti Birra,

Sapere come aggiungere la frutta alla birra è un modo per rendere ancora più gustosa la vostra bevanda preferita

 

Aggiungere la frutta alla birra è una scelta che potrebbe rendere la propria bevanda rinfrescante ancora più buona ed attraente anche se bisogna tenere presente che se molti sono puristi quando di parla di birra e tendono a non prendere di buon grado l’inserimento di altri gusti. Un’altra cosa molto importante sta nel fatto che bisogna bisogna saper dosare con maestria la frutta in modo tale che i sapori di questa bevanda siano ben bilanciati. La produzione della birra è un processo molto importante per la produzione di una birra completamente personalizzata e personalizzabile. Il fatto di produrre la birra da sé porta a poter sperimentare il più possibile senza doversi preoccupare dei costi perché è possibile adoperare minime quantità di materiali per trovare quelli che più si confanno ai propri gusti. Andando avanti con questa guida si andrà a determinare il miglior modo per rendere la propria birra una vera e propria opera d’arte andando ad illustrare tutte le fasi di lavorazione comprese le dosi raccomandate e le varie problematiche che possono sorgere quando si vanno a mescolare alcuni tipi di frutta con la birra.

Fare la birra a casa è ormai una consuetudine di molte persone

Creare la birra artigianale non è solo un ottimo modo di creare da sé la propria bibita preferita significa poter decidere tutti gli ingredienti che andranno a creare la nostra ricetta personalizzata. Prima di partire con la preparazione è necessario acquistare alcuni strumenti molto utili per cucinare e fermentare i vari ingredienti anche se è possibile acquistare dei kit per fare la birra che rappresentano la soluzione ideale per chi è alle prime armi e vuole avere una soluzione completa per cominciare con questa entusiasmante operazione. Ne esistono di molti di questo prodotto e tutti si differenziano per il contenuto dei vari completi andando da quelli base con una dotazione minima fino a quelli più elaborati con prodotti che possono far aumentare la produzione della nostra amata birra artigianale. Dopo aver parlato della strumentazione bisogna parlare dei vari ingredienti che dovranno essere cotti e successivamente fermentati. Il primo importante ingrediente di questa bevanda è l'acqua che deve avere delle caratteristiche specifiche in base alla tipologia di birra che si vuole creare potendo scegliere tra quelle più o meno ricche di sali minerali. Il malto, quasi sempre si tratta di orzo, è il materiale che in fase di fermentazione andrà a produrre l'alcol e l'anidride carbonica che tanto apprezziamo nella birra. Non bisogna dimenticare il luppolo che alla base della produzione di una birra e che va a definire il prodotto, anche se in questa sede non ci dilungheremo degli ingredienti ma è possibile approfondire questo argomento andando qui. Ma la fermentazione può avvenire solo con la presenza dei nostri amici lieviti che andranno, tra le altre cose, a determinare molte delle caratteristiche e si dividono ad alta o a bassa fermentazione. I primi hanno bisogno, per lavorare, di una temperatura più alta, tra i quindici ed i venti gradi, ed agiscono sulla superficie del distillato mentre gli altri operano in profondità ed agiscono ad una temperatura che può variare tra i quattro ed i quindici gradi.

 

La frutta nella birra: una moda relativamente giovane che potrebbe nascondere delle piacevoli sorprese

Molto probabilmente i puristi di questa bevanda rinfrescante storceranno il naso o comunque saranno abbastanza scettici nel parlare di una birra alla frutta perché normalmente questo prodotto ha un gusto, con molte sfumature, ben preciso e chi ama questo prodotto sa bene di cosa si sta parlando quindi l'inserimento della frutta potrebbe andare a modificare molto il prodotto grazie alle caratteristiche della frutta. Proprio a tal proposito è necessario sollevare alcune eccezioni che potrebbero andare ad intaccare il nostro prodotto finale. E’ bene tenere presente, quando si decide di   inserire la frutta, che questi sono prodotti alieni dalla ricetta tradizionale quindi vediamo le proprietà organolettiche di questi gustosi ingredienti. La cosa eccezionale di questa pratica sta nel fatto che non vi sono limitazioni ai tipi di frutta che possono essere adoperati per questa pratica potendo scegliere quella che più si ama anche se è necessario dividere questi ingredienti in tre categorie principali: la frutta fresca, la frutta secca, quella in scatola, frutta congelata, succo di frutta concentrato e la frutta tropicale. Nel primo caso è bene assicurarsi che essa sia ben matura, lavata molto bene e che il suo gusto si possa accordare bene con questa bevanda, quella secca invece dev’essere priva di conservanti e di altre sostanze che vengono adoperati per modificare il prodotto, la congelata è una valida alternativa a quella fresca perché costa decisamente di meno ma comunque permette di preservare tutte le caratteristiche della frutta anche se è necessario comunque lavarla bene in modo tale che contaminanti non creino problemi di salute a chi andrà a bere la birra. L’aggiunta del succo di frutta è probabilmente il metodo più semplice per avere la birra alla frutta perché è possibile aggiungerlo direttamente nel fermentatore. Un’altra opzione è l’utilizzo di un prodotto conservato in scatola ma è importante, in questo caso, fare attenzione al fatto che la frutta in scatola è più zuccherosa rispetto a quella naturale. Inoltre è necessario fare attenzione a scolare completamente il succo in modo da non rovinare tutta l’operazione. E’ possibile aggiungere la frutta alla birra in una delle seguenti fasi:

  • nel fermentatore: è una pratica abbastanza semplice ma la fermentazione potrebbe rovinare la frutta più delicata;
  • in seguito al travaso: si può definire la pratica più semplice e quella che però, se non fatta con cautela, rischia di far prendere troppa aria alla bevanda;
  • la fine della bollitura: è una tecnica molto usata ed è molto utile non solo ai fini della birra ma anche per ottenere una sterilizzazione migliore del prodotto.

 

La birra alla frutta è una bevanda gustosa ma….

 

Aggiungere la frutta alla birra può rendere la nostra bevanda preferita ancora più buona ma con un gusto decisamente nuovo ma non tutti amano un cambiamento del genere. Per concludere è bene ricordare che la birra è una bevanda alcolica quindi non bevetela se dovete guidare e comunque non esagerate con la sua assunzione.

Lascia un Commento